Generic selectors
Corrispondenza esatta
Cerca nei titoli
Cerca nei contenuti
Cerca nei posts
Cerca nelle pagine
Filtra per Categoria
Le nostre iniziative
Senza categoria
Volontariato

Il vescovo Valentinetti visita Casa Ail (Foto gallery)

Visita del vescovo di Pescara a Casa Ail,  la struttura di via Rigopiano in cui vengono ospitati, in forma gratuita,  i pazienti in cura nel Dipartimento di Ematologia dell’ospedale Santo Spirito e i familiari. Monsignor Tommaso Valentinetti è stato accolto dal presidente della sezione interprovinciale Pescara-Teramo dell’Associazione italiana contro le leucemie, i linfomi e il mieloma, Domenico Cappuccilli, e da una delegazione di volontari e operatrici della casa di accoglienza. Erano presenti anche il direttore dell’UOC di Ematologia clinica, dottor Antonio Spadano, il direttore dell’UOSD del Centro diagnosi e terapia del linfoma, dottor Francesco Angrilli, la direttora dell’Orchestra Femminile del Mediterraneo, Antonella De Angelis, e la pittrice Rossella Circeo, sostenitrici dell’associazione. Il vescovo ha visitato le camere, la sala da pranzo, la grande cucina, gli uffici destinati all’accoglienza e la sala convegni,  dove si è fermato per rivolgere un saluto ai volontari e impartire la benedizione. 

“Il desiderio di visitare Casa Ail è nato in occasione del ‘Gran Concerto di fine anno’, al quale ho partecipato su invito di Antonella De Angelis – ha spiegato monsignor Valentinetti  – Conoscevo la struttura, ma non mi ci ero mai affacciato in maniera diretta. E’ accogliente e tenuta alla perfezione. Sono felice che esistano queste realtà: sono quei segni belli lasciati da persone che esercitano laicamente un servizio di amore, altruismo e carità. La mia benedizione va a chi ci abita, volontari e ospiti”. 

“Ringrazio il vescovo per le bellissime parole – ha affermato Cappuccilli – Dopo 9 anni, abbiamo estinto il mutuo di oltre 1 milione di euro per la realizzazione di Casa Ail, che è finalmente nostra. L’impegno, ora, è rispondere con le nostre risorse alle richieste che ci perverranno dall’ospedale per migliorare la qualità della vita dei pazienti che stanno affrontando le cure e sostenere la ricerca scientifica”. In occasione della visita di  monsignor Valentinetti, il presidente ha ricordato i dati relativi all’accoglienza: dal 21 giugno 2009, data dell’inaugurazione,  al 31 dicembre 2018 sono stati ospitati nella struttura 316 pazienti, provenienti dalle province abruzzesi, e 418 accompagnatori, per un totale di 748 persone; da fuori regione i pazienti sono stati 187 (per lo più dal Molise, dalla Campania e dalla Puglia) e  gli accompagnatori 461, per un totale di 648 persone. I giorni di permanenza degli ospiti in Casa Ail sono stati complessivamente 36.146. 

L’Ail, oltre alla struttura di accoglienza, coordina il call center in ospedale e assiste i pazienti in reparto. 

5 allegati

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Comment *