Generic selectors
Corrispondenza esatta
Cerca nei titoli
Cerca nei contenuti
Cerca nei posts
Cerca nelle pagine
Filtra per Categoria
Le nostre iniziative
Senza categoria
Volontariato

“Sognando Itaca”, la barca dell’Ail in mare con i pazienti

Tappa al Marina di Pescara per la barca di “Sognando Itaca”, il progetto di vela terapia mirato alla riabilitazione psicologica e al miglioramento della qualità di vita dei pazienti ematologici, promosso dall’Aill’Associazione italiana contro le leucemie, i linfomi e il mielomaL’imbarcazione, partita il 4 giugno da Trieste e diretta a Taranto, è giunta ieri sera nel porto pescarese proveniente da Ancona.Questa mattina, il senso del progetto è stato ribadito in un incontro, che si è tenuto nella sede dell‘Assonautica, alla presenza del presidente dell’Ail Pescara-Teramo Domenico Cappuccillidi volontari della onlus, dell’equipaggio composto da medici, infermieri, psicologi e di pazienti.

E’ stata un’esperienza meravigliosa e descrivere le emozioni che ho provato è veramente difficile – ha raccontato Michele Caruso, un giovane paziente di Termoli, in cura da tre anni nel Dipartimento di Ematologia dell’ospedale Santo Spirito (nella foto a dx) – Sono salito a bordo ieri ad Ancona, insieme al presidente Cappuccilli e abbiamo navigato per 13 ore per raggiungere Pescara. In mare, mi sono sentito libero e felice e ho staccato la spina dalla routine, da giornate scandite dalla chemioterapia e dai controlli. L’equipaggio mi ha fatto anche i complimenti perché sono stato al timone per quasi due ore e non mi sono stancato“.

L’idea è quella di creare a bordo una particolare complicità che fa bene a tutti– ha spiegato Luciano Galloni, responsabile del progetto – Il paziente si mette al timone e dà ordini al medico, all’infermiere, allo psicologo, condivide con loro emozioni, gioia e stanchezza e anche la scoperta di nuove risorse che migliorano la qualità della vita”. Nel suo intervento, il presidente Cappuccilli ha ribadito il valore dell’iniziativa e ha ricordato l’importanza di strutture come Casa Ail di via Rigopiano. “Dal 2009, anno in cui è stata inaugurata, abbiamo ospitato gratuitamente 1.264 persone, tra pazienti in cura nel dipartimento di Ematologia e familiari che li accompagnano – ha ricordato – La casa di accoglienza è un punto di riferimento per i malati, che provengono da fuori regione o da altre province, e per i medici. Riusciamo a gestirla grazie alla generosità delle persone che ci sostengono nelle campagne di solidarietà e attraverso donazioni spontanee”.

“L’esistenza di Casa Ail ci ha consentito di ridurre drasticamente i giorni di ricovero perché i pazienti possono proseguire le cure a Pescara trovando accoglienza nella struttura – ha aggiunto Prassede Salutari, ematologa all’ospedale Santo Spirito – Anche le famiglie contengono le spese visto che l’ospitalità è gratuita”. .L’incontro è stato anche l’occasione per fare il punto sulla ricerca scientifica per la cura delle malattie ematologiche. L’Ail Pescara-Teramo, infatti, ha finanziato una borsa di studio per una ricerca sull’Interleuchina 7, condotta dal Dipartimento di Medicina e Scienze dell’invecchiamento dell’università “G. d‘Annunzio.” “Si tratta di una proteina che è coinvolta, in parte, nei meccanismi che rendono i tumori resistenti alla chemio e alla radioterapia – ha spiegato la ricercatrice, Alessia La Molinara – Il nostro studio mira ad individuare i farmaci che bloccano questo meccanismo e che quindi potrebbero consentire una maggiore efficacia delle cure”

Rossella Mometti, responsabile del progetto In viaggio per guarire, ha sottolineato l’importanza della sensibilizzazione delle giovani generazioni sulle donazioni di sangue e del midollo, mentre la consigliera comunale Tiziana Di Giampietro, intervenuta in rappresentanza dell’amministrazione comunale di Pescara, ha auspicato la creazione di un polo onco-ematologico Pescara-Chieti finanziato dall’università

Una volta terminato l’incontro, alcuni pazienti sono saliti sulla barca per una breve esperienza di vita in mare a vele spiegate. Nel pomeriggio, l’equipaggio si è recato in visita a Casa Ail prima di ripartire. Il viaggio si concluderà a Taranto, il 21 giugno Giornata nazionale per la lotta contro le leucemie, i linfomi e il mieloma .

Dell’equipaggio Sognando Itaca fanno parte, oltre a Galloni e Mometti,  Maurizio Martini, capitano; Sara Scibè, psicologa; Simona Bandini, volontaria; Carla Fornaro, infermiera di bordo; Michele Belleri e Federico Fornasari, skipper; Dario Mio, fotografo ed ex paziente.

 

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Comment *